GLI ATC PISANI RICEVONO PARERE POSITIVO DALL’ISPRA SULLA CATTURA DEI CORVIDI NELLE ZONE DI RISPETTO VENATORIO

Gli Ambiti Territoriali di Caccia 14 e 15 ormai da molti anni sono fortemente impegnati nella ricostruzione delle popolazioni di piccola selvaggina stanziale, per questo motivo le immissioni di selvaggina vengono effettuate esclusivamente con soggetti allevati secondo un rigido protocollo di qualità.  

I soggetti vengono immessi nella tarda primavera in idonee strutture di ambientamento per la maggior parte costruite all’interno di Zone di Rispetto Venatorio.

La cattura dei corvidi all’interno delle ZRV è da sempre considerata fondamentale per ottenere un buon risultato sulle covate primaverile, ma purtroppo ad oggi questa pratica non è autorizzata.

I due Presidenti Marco Ciampini ATC 14 Pisa Ovest e Gian Luigi Ladurini ATC 15 Pisa Est, nei mesi scorsi si sono adoperati per richiedere un parere ad ISPRA relativo alla cattura dei corvidi all’interno delle Zone di Rispetto Venatorio.

A seguito di una corposa documentazione, predisposta dai tecnici faunistici dello Studio Agrofauna, in data 24 marzo 2020 ISPRA ha risposto esprimendo il proprio “parere favorevole all’attuazione di piani di controllo dei Corvidi (Gazza e Cornacchia grigia) nel biennio 2020-2021” in quanto “il controllo cruento dei Corvidi risulta azione finalizzata al contenimento dell’impatto predatorio sulla piccola selvaggina stanziale”.

I Presidenti hanno scritto agli uffici regionali auspicando quanto prima un apposito atto che permetta di iniziare le operazioni di cattura all’interno delle ZRV.

LEGGI IL DOCUMENTO ISPRA